Bisogno di brividi online su WIRED!

Ora possiamo svelarlo: il videoclip di “Bisogno di brividi” è ufficialmente in anteprima sul sito di Wired a questo link:

https://www.wired.it/play/musica/2019/07/09/brividi-davide-gammon-lory-muratti/

Wired

Essì, stavolta abbiamo fatto proprio le cose in grande.

Trovate il brano in streaming su tutte le piattaforme web più note (iTunes, Spotify, YouTube music, Deezer, ecc…) e persino Shazam potrebbe riconoscere le nostre “esoteriche” melodie [cit.] mentre l’autoradio grida il ritornello e voi state guidando accaldati verso la villeggiatura, nel pieno dell’afosa notte estiva italianaaah… yeah!

Scusate, mi sono lasciato prendere un pò la mano.

BrividiWeb

…Infine, per coloro tra voi che ancora soffrono dell’insolita affezione alle parole di una canzonetta e vogliono impararla a menadito (che fantastica espressione, seppure un pò violenta!) per cantarla a squarciagola (e daje con la violenza…) davanti al falò in spiaggia, ecco il testo della suddetta:

Gli occhi si muovono svelti nel buio

[Come nella stanza sibila il rumore di un televisore
acceso in un albergo a ore]

Le mani accarezzano piano il cuoio

[Seduti sopra il letto senza far domande,
le macchie sul soffitto si ingrossan come onde]

Sospeso tra istinto e coscienza, ostaggio di stentate apparenze…
ma quanto mi costa ormai… l’amore

[fuori dalla stanza un mondo ignaro avanza,
il tempo qui si ferma, le voglie prendon forma]

RIT: Mi sento abbandonato così, nello spazio di un respiro

E allora vengo qui dove c’è tutto quello che mi tiene vivo.

[Tutto quello che, tutto quello che mi tiene vivo] X2

Tu sei il bisogno che cresce dentro di me

[Sbircio da un ritratto chi naufraga nel letto
fingendosi reale in una camera in affitto]

Io il figlio devoto del peccato commesso

[Ecco l’attimo sublime, ecco il cerchio che si stringe!
Annoto ogni sussulto, ogni lacrima che scende]

Fissando semafori spenti, ondeggio ma indietro non torno;

Ho soltanto un’ora, lo sai… per l’amore

[Quando la vita si tuffa in un mare di segreti,
si spegne l’abat-jour sulla notte degli amanti]

RIT:

[Ora vieni qui, mia Venere in pelliccia,
abbatti i miei limiti, ‘che tutti abbiam bisogno di brividi]

FINALE:

Ti senti liberata così…

Mi sento liberato così…

adesso vieni qui dove c’è tutto quello che ci tiene vivi.

Febbraio 2019: Live @ Coconut

Affezionatissimi, se mi conoscete un minimo, dovreste saperlo: sono solito rubacchiar… ehm… ispirarmi A MAN BASSA ai suoni, visioni e parole di David Lynch e del suo celeberrimo TWIN PEAKS.

Ebbene, i ragazzi di REDROOM mi hanno offerto un’occasione più unica che rara: per il quinto compleanno del loro store di Lambrate mi hanno chiesto uno show ispirato al serial di Laura Palmer e soci!

La serata si terrà il prossimo sabato nella cornice a dir poco S-P-E-T-T-A-C-O-L-A-R-E del Coconut, in una storica villa/ostello nei pressi della Gran Central di Milano, al culmine di una settimana di festeggiamenti e riti in onore di Redroom e degli artisti che vi orbitano dentro ed intorno!

Inutile specificare che la serata attirerà il pubblico delle grandi occasioni, affezionatissimi, quindi preparatevi sin d’ora e iniziate a lucidare il vostro distintivo dell’FBI… in questa specialissima one-night ho pensato di invitare anche il Maestro Fogagnolo, gran cerimoniere ed esperto di gufi, per accompagnarmi nei corridoi della Loggia Nera…

La serata proseguirà poi con il DjSet di ANDROID79 e un esclusivo aftershow nella saletta segreta della Loggia…

CLICCA QUI PER ANDARE ALL’EVENTO FB

And now, an ending. Where there was once one, there are now two. Or were there always two? What is a reflection? A chance to see two? When there are chances for reflections, there can always be two – or more. Only when we are everywhere will there be just one. It has been a pleasure speaking to you.

The Log Lady.