Diario del dopobomba

E’ uscito il mio nuovo singolo per Visory Suisse, prodotto da Lory Muratti per the house of love.

Una ballata soul-rock con sottili attitudini ambient ed echi elettronici (musicalmente ispirata agli struggenti successi di James Blake, alle atmosfere sospese di Burial e all’indie pop degli Xx).

Ne ha parlato qui anche il portale di SKYtg24, che ha presentato il video in anteprima con corredo di intervista esclusiva.

Non avrei potuto chiedere di più, affezionatissimi!

Maggio 2022: Nuovo singolo + nuovi live

Si riprende, affezionatissimi.

Oddio, si è già ripreso da Marzo a pubblicare nuovo materiale e a riaffacciarsi alle scene, malridotte ma pronte e pulsanti, ostinatamente dèdite a proporre, inscenare, suonare e performare alternative esistenziali al nulla e all’orrore della guerra.

Mi scuserete, ma l’anno nuovo è stato pieno di iniziative e febbrili preparativi, tra PSICOPARADE e promozioni di nuove uscite. La sezione NEWS del sito è stata un pò lasciata indietro, lo ammetto.

Ci troviamo quindi già agli inizi di questo maggio pioggerellinoso (licenza poetica) per annunciare l’imminente uscita di un nuovo singolo + video, sempre guidati dal fido Lory Muratti.

Il 20 maggio uscirà per Visory Suisse Rec. il brano: “Diario del dopobomba”, una ballata soul-rock con sottili attitudini ambient e un raffinato utilizzo di elettronica (musicalmente ispirata agli struggenti successi di James Blake, alle atmosfere sospese di Burial e all’indie pop degli Xx).

E’ dunque un piacere per me annunciare una data di ANTEPRIMA di questa novità, un live che condividerò con un’artista raffinata e suadente, una cantante che flirta con un’elettronica di qualità pura.

Domenica 15 Maggio – ARLECCHINO SHOW BAR – VEDANO OLONA (Va)

_______________________________________________
🧠🎵 DAVIDE GAMMON – lo Psicocantautore
per la prima volta all’Arlecchino presenta dal vivo il suo One Man Show di Rock Alternativo, Post-punk ed Electro-Blues.
Dopo l’acclamata uscita del suo ultimo singolo, dal titolo: “L’ironia della sorte”, Gammon sale di nuovo sul palco da solo per presentare i suoi brani classici (e alcuni inediti assoluti) senza far rimpiangere l’assenza di un’intera band!
Armonica, synth, chitarra e beat per farvi muovere e pensare… lo psicocantautore è tornato!
————————————————————————
💕 [opening act] – AUA+DIVISION
“Belli Come Te” è il primo EP del Progetto Aua+DiVision : sonorità elettroniche e mood alternative per una serie di canzoni in cui la cantautrice Aua racconta di attesa, rinascita, addii e ritrovamenti (di se stesso e del diverso da se). La musica incalzante si unisce ai visual del musicista e designer TheFD.
________________________________________________

Inizio cene dalle 20
Inizio live 21,15 circa

Cena + drink + live = 20€
Drink + live = 12€

Settembre 2020: si torna live!

Efffffinalmente… dopo mesi di “chiusura” (non di assenza, però! Vedi le famigerate Pigiama Sessions su IGTV e i video di “supporto” sul Tubo) si torna ad incontrarci DAL VIVO, con un palco come splendido pretesto per visioni, bevute, chiacchiere, battiti di mani e di cuori, bis non richiesti, risate, sbirciate al cellulare durante l’assolo (che non sono capace di fare… ormai mi conoscete, affezionatissimi).

Non vi nascondo che attendo questa data con una certa emozione, come quando si torna a casa dopo un viaggio lungo e imprevisto, una trasferta necessaria che ha portato preoccupazioni e scoperte, lunghe attese e forti speranze.

Riparte quindi lo (s)fashion tour, il mirabolante esperimento itinerante di spettacolo d’arte varia e canzonette del sottoscritto, debitamente adattato alle misure di sicurezza richieste da questi tempi stravolti. Grazie in anticipo, quindi, al Rock n’Roll di Rho per avermi permesso di riprendere ad organizzare scalette improvvisate e immaginare siparietti post-punk da raccontare ai nipotini nelle serate di luna piena…

E, ovviamente, grazie a tutti voi, che non vedo l’ora di scorgere (si fa per dire) nella penombra della sala, mezzo accecato dalle luci e totalmente inebriato dai brividi di un concerto dal vivo. E che concerto, affezionatissimi!

Nota per i pogatori: non sarà possibile (mi pare d’aver capito) assistere alla performance senza aver preso posto a sedere, quindi, sebbene la prenotazione non sia obbligatoria, è caldamente consigliato contattare la Direzione del locale per assicurarvi il loggione migliore del teatro (o qualcosa del genere… d’altronde siamo pur sempre adepti del rocknroll e dei locali selvaggi, no?).

CLICCA QUI PER VEDERE L’EVENTO FACEBOOK

17 Dicembre: inizia lo (S)fashion Tour !

SfashionVelvet

Eccoci, si comincia ! ! !

Dopo tante (belle) parole dette e scritte (per esempio qui e qui, ma anche qui) e le affettuose pacche sulle spalle per l’uscita di (S)fashion ad Ottobre, è un vero piacere ricominciare a macinare palchi partendo da un locale che ha iniziato a significare molto per me (e non solo per me…) negli ultimi tempi.

L’anima rock del club Velvet è fuori discussione: l’arredo lascia pochi dubbi, i vinili appesi e i poster con i miti del passato regalano un’iconografia che vale quanto un libro di storia della musica, il palco è il punto di fuga dello sguardo da quasi tutte le posizioni, a manifestare la natura dell’anima di Paolo Di Ciancio, che questo locale l’ha ideato e creato. Negli anni ’70 c’era una chitarra in ogni casa, adesso chiunque può trovare una chitarra qui.
Questo è Velvet.

Ci si vede dunque tra qualche giorno nei sotterranei della Cittadella del Carroccio, pronti a far tremare le risicate certezze di coloro che non credono che basti un disco a cambiarti la vita e affidano la loro felicità ad una cosa che si chiama Venerdì Nero (non lo trovate grottesco ? Eheheh ahahaahah… ehm).

Nell’intanto andate a rivedervi il mio ultimo video, così ripassate un pò.

Qui trovi l’evento facebook

 

Febbraio 2019: Live @ Coconut

Affezionatissimi, se mi conoscete un minimo, dovreste saperlo: sono solito rubacchiar… ehm… ispirarmi A MAN BASSA ai suoni, visioni e parole di David Lynch e del suo celeberrimo TWIN PEAKS.

Ebbene, i ragazzi di REDROOM mi hanno offerto un’occasione più unica che rara: per il quinto compleanno del loro store di Lambrate mi hanno chiesto uno show ispirato al serial di Laura Palmer e soci!

La serata si terrà il prossimo sabato nella cornice a dir poco S-P-E-T-T-A-C-O-L-A-R-E del Coconut, in una storica villa/ostello nei pressi della Gran Central di Milano, al culmine di una settimana di festeggiamenti e riti in onore di Redroom e degli artisti che vi orbitano dentro ed intorno!

Inutile specificare che la serata attirerà il pubblico delle grandi occasioni, affezionatissimi, quindi preparatevi sin d’ora e iniziate a lucidare il vostro distintivo dell’FBI… in questa specialissima one-night ho pensato di invitare anche il Maestro Fogagnolo, gran cerimoniere ed esperto di gufi, per accompagnarmi nei corridoi della Loggia Nera…

La serata proseguirà poi con il DjSet di ANDROID79 e un esclusivo aftershow nella saletta segreta della Loggia…

CLICCA QUI PER ANDARE ALL’EVENTO FB

And now, an ending. Where there was once one, there are now two. Or were there always two? What is a reflection? A chance to see two? When there are chances for reflections, there can always be two – or more. Only when we are everywhere will there be just one. It has been a pleasure speaking to you.

The Log Lady.

3 Febbraio: Gammon + Jama Trio @ Gagarin Busto A. (Va)

JamaGamm

Sabato 3 febbraio dalle ore 22:00

Circolo Gagarin Via Galvani 2bis, 21052 Busto Arsizio

A PROCESS RELEASE PARTY

DAVIDE GAMMON 

Mediamente la caratura musicale di Gammon ha sempre strizzato un po’ l’occhio agli anni ottanta, ma in questo caso l’artista ha messo in atto un elettronica più tribale, fatta di predicatori e superstizioni che portano all’800 rurale americano, per un risultato corale e profetico. Il paesaggio sonoro è ombroso, in città di provincia sonnacchiose ed ambigue, in cui i campi di sterpaglie si riprendono terreni industriali (ormai) abbandonati. A partire dal punk e psycho-billy degli esordi, passando dall’elettronica, fino al blues elettronico del presente.

JAMA TRIO
Abituatici al groove del blues e del country del Sud degli Stati Uniti, i Jama Trio aprono ora il ventaglio dei suoni con il loro nuovo disco “A PROCESS”: un percorso, appunto, che parte ancora da quelle radici stilistiche “ma che va a finire fino al lido apparentemente inconciliabile dell’Elettronica, passando però anche tra elementi Country, chitarre Southern e sonorità futuristiche da Space Rock. […] Un disco davvero intrigante ed eterogeneo. Brit Pop, Space Rock, Shoegaze, Neopsichedelia, Folk, Country, Southern Rock... Un vero e proprio Processo, come ci aveva avvertito il titolo dell’album. Un percorso di sperimentazione e ricerca per trovare suoni nuovi ma non abbandonando del tutto quelli classici.

Ingresso gratuito, riservato soci Arci.

ATTENZIONE: Dal 1 ottobre 2017 occorre avere la tessera ARCI 2017-2018, valida fino al 30 settembre 2018. È possibile presentare domanda di pre-adesione ad Arci compilando l’apposito modulo a questo link: http://bit.ly/PreAdesioneGagarin. Non serve stampare il modulo, lo troverai già pronto al Circolo. Sarà possibile ritirare la propria tessera in qualsiasi momento di apertura ai soci, versando la quota di adesione da 10€.

Apertura locale alle 20:30, concerto alle 22:00.

Gospel EP: recensione su Mescalina.it

Alla vigilia del mio concerto varesino esce una recensione del mio scoppiettante Ep su uno dei portali più illustri e blasonati (non è una parolaccia… o forse sì?) della musica blues e alternativa d’Italia. HATERS SPOILER: l’autore della suddetta è un mio fraterno amico e collaboratore, nonché valentissimo musicista e scrittore. Ora che lo sapete (ma lo sapevate già, vero?), scatenatevi pure con le accuse di clientelarismo, loggia massonica e governoladrismo, ‘che tanto si sa che in questo Paese è “tutto un magna-magna”.

Intanto io e Jama magnamo-magnamo… non si sa bene che cosa, ma vabbè.

Mescalina

Già che ci sono, ne approfitto per ringraziare il suddetto autore della suddetta e tutti coloro che sono intervenuti (alcuni persino in più occasioni!) alle date del Gospel Summer Tour, portando sostegno, applausi, affetto, birrette, appunti, grida, problemi da casa, sudore, sorrisi, mani, barzellette, pacche sulle spalle (Cannavacciuolo docet), ingressi a sorpresa, sorprese all’ingresso, ritardi, ricette, consigli e coretti da stadio di provincia. Se esistono motivi buoni per salire su un palco, questi sono più che sufficienti.

Quasi dimenticavo: la recensione la trovate qui.